Mille anni che sto qui (Einaudi) di Mariolina Venezia

Andare in basso

Mille anni che sto qui (Einaudi) di Mariolina Venezia

Messaggio  Pauline il Ven 09 Ott 2009, 13:03

Ho appena finito di leggere questo libro. Mi è piaciuto tantissimo. Da tempo non leggevo e questo romanzo l'ho divorato in due giorni!!!!
Vi copio la recensione trovata su
http://gruppodilettura.wordpress.com/2006/12/12/mille-anni-che-sto-qui/

Chi riesce a non perdersi è bravo. Perché il tempo è lunghissimo e i personaggi sono tanti. Ma “Mille anni che sto qui” (Einaudi), di Mariolina Venezia, è una storia che merita d’essere letta cedendo proprio alla tentazione di perdersi: tra nomi, date, sentimenti e personaggi della famiglia Falcone, di cui si narrano le vicende attraverso più di un secolo di storia, dall’Unità d’Italia fino al crollo del muro di Berlino.

Si parte dal capostipite, don Francesco, padre severo e lungimirante, in una Basilicata dove le malattie si chiamano malocchio e il sogno più grande è quello di un figlio maschio. Da quella terra arcaica e superstiziosa, dal quel 1861 e da quel figlio maschio, le vicende politiche si mischiano con i destini dei tanti padri, nonne, mogli, e poi giù giù nei rami sottili e intrecciati dell’albero genealogico. C’è, ad esempio, Rocco che da bambino si innamora di una scrofa, e che poi in più avanzata età si innamorerà di Mara, del fascismo e poi del suo contrario, sfiorando anche la lotta armata. Ma scegliere degli esempi non è facile, perché i personaggi sono tutti intensi e affascinanti. Sullo scorrere degli anni, appaiono come improvvisi rilievi a tutto tondo. Ognuno è ritratto nella parte più intensa della propria esistenza, per poi subito scomparire e cedere il passo al racconto di figli, nipoti, amanti…

La scrittura – mista al dialetto – è avvolgente. E se qualche storia d’amore ha una pennellata rosa di troppo, alla fine tutto si stempera nella tavolozza più che varia del libro. Dopo duecento pagine di tradimenti, passioni politiche e carnali, gravidanze inaspettate e morti attese, calcolate fortune e improvvise sciagure, c’è il ritorno a Grottole. E’ il ritorno nella Lucania profonda, dove la storia era partita e dove infine si ricuce. Il cerchio però non si chiude. Perché – come avverte Gioia, l’ultima eroina del libro, – “Quando torni indietro capisci che il tempo non è un cerchio, ma una spirale, e che lo sforzo che fai per abbracciare il passato ti proietta di nuovo con forza verso il futuro”.
avatar
Pauline
Babbion
Babbion

Numero di messaggi : 4250
Data d'iscrizione : 17.09.09
Età : 42
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Mille anni che sto qui (Einaudi) di Mariolina Venezia

Messaggio  yaris87 il Sab 10 Ott 2009, 20:17

Grazie Pau!!!!

Yaris

yaris87
Babbion
Babbion

Numero di messaggi : 8328
Data d'iscrizione : 07.09.09
Età : 30
Località : Caraibi, CUBA/trapiantata in Italia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum